Home Page

Home Page

Community

FacebookYoutubeTwitter
Banner

Ultime notizie Snals

Esami di Stato

Il MIUR ha emanato i decreti
relativi allo svolgimento
delle prove degli esami
di Stato conclusivi dei
corsi di studio di
istruzione secondaria
di II grado e alle materie
della seconda prova scritta

Estero

Emanazione delle disposizioni
relative all'aggiornamento
delle graduatorie permanenti
dei Docenti, DSGA e
Assistenti amministrativi
da destinare all'estero

Nazionale

Occorre intervenire concretamente, dedicare risorse adeguate,
dare valore alle sinergie
necessarie, estendendo
su tutto il territorio
nazionale la nostra scuola
dell'infanzia e sostenendo la diffusione di servizi
educativi di qualità
per la prima infanzia

Esami di Stato

Il MIUR ha emanato i decreti
relativi allo svolgimento
delle prove degli esami
di Stato conclusivi dei
corsi di studio di
istruzione secondaria
di II grado e alle materie
della seconda prova scritta

Estero

Emanazione delle disposizioni
relative all'aggiornamento
delle graduatorie permanenti
dei Docenti, DSGA e
Assistenti amministrativi
da destinare all'estero

Nazionale

Occorre intervenire concretamente, dedicare risorse adeguate,
dare valore alle sinergie
necessarie, estendendo
su tutto il territorio
nazionale la nostra scuola
dell'infanzia e sostenendo la diffusione di servizi
educativi di qualità
per la prima infanzia

Esami di Stato

Il MIUR ha emanato i decreti
relativi allo svolgimento
delle prove degli esami
di Stato conclusivi dei
corsi di studio di
istruzione secondaria
di II grado e alle materie
della seconda prova scritta

Estero

Emanazione delle disposizioni
relative all'aggiornamento
delle graduatorie permanenti
dei Docenti, DSGA e
Assistenti amministrativi
da destinare all'estero

Nazionale

Occorre intervenire concretamente, dedicare risorse adeguate,
dare valore alle sinergie
necessarie, estendendo
su tutto il territorio
nazionale la nostra scuola
dell'infanzia e sostenendo la diffusione di servizi
educativi di qualità
per la prima infanzia

Esami di Stato

Il MIUR ha emanato i decreti
relativi allo svolgimento
delle prove degli esami
di Stato conclusivi dei
corsi di studio di
istruzione secondaria
di II grado e alle materie
della seconda prova scritta

Estero

Emanazione delle disposizioni
relative all'aggiornamento
delle graduatorie permanenti
dei Docenti, DSGA e
Assistenti amministrativi
da destinare all'estero

Nazionale

Occorre intervenire concretamente, dedicare risorse adeguate,
dare valore alle sinergie
necessarie, estendendo
su tutto il territorio
nazionale la nostra scuola
dell'infanzia e sostenendo la diffusione di servizi
educativi di qualità
per la prima infanzia

Esami di Stato

Il MIUR ha emanato i decreti
relativi allo svolgimento
delle prove degli esami
di Stato conclusivi dei
corsi di studio di
istruzione secondaria
di II grado e alle materie
della seconda prova scritta

Estero

Emanazione delle disposizioni
relative all'aggiornamento
delle graduatorie permanenti
dei Docenti, DSGA e
Assistenti amministrativi
da destinare all'estero

Nazionale

Occorre intervenire concretamente, dedicare risorse adeguate,
dare valore alle sinergie
necessarie, estendendo
su tutto il territorio
nazionale la nostra scuola
dell'infanzia e sostenendo la diffusione di servizi
educativi di qualità
per la prima infanzia

Esami di Stato

Il MIUR ha emanato i decreti
relativi allo svolgimento
delle prove degli esami
di Stato conclusivi dei
corsi di studio di
istruzione secondaria
di II grado e alle materie
della seconda prova scritta

Estero

Emanazione delle disposizioni
relative all'aggiornamento
delle graduatorie permanenti
dei Docenti, DSGA e
Assistenti amministrativi
da destinare all'estero

Nazionale

Occorre intervenire concretamente, dedicare risorse adeguate,
dare valore alle sinergie
necessarie, estendendo
su tutto il territorio
nazionale la nostra scuola
dell'infanzia e sostenendo la diffusione di servizi
educativi di qualità
per la prima infanzia

Esami di Stato

Il MIUR ha emanato i decreti
relativi allo svolgimento
delle prove degli esami
di Stato conclusivi dei
corsi di studio di
istruzione secondaria
di II grado e alle materie
della seconda prova scritta

Estero

Emanazione delle disposizioni
relative all'aggiornamento
delle graduatorie permanenti
dei Docenti, DSGA e
Assistenti amministrativi
da destinare all'estero

Nazionale

Occorre intervenire concretamente, dedicare risorse adeguate,
dare valore alle sinergie
necessarie, estendendo
su tutto il territorio
nazionale la nostra scuola
dell'infanzia e sostenendo la diffusione di servizi
educativi di qualità
per la prima infanzia

Esami di Stato

Il MIUR ha emanato i decreti
relativi allo svolgimento
delle prove degli esami
di Stato conclusivi dei
corsi di studio di
istruzione secondaria
di II grado e alle materie
della seconda prova scritta

Estero

Emanazione delle disposizioni
relative all'aggiornamento
delle graduatorie permanenti
dei Docenti, DSGA e
Assistenti amministrativi
da destinare all'estero

Nazionale

Occorre intervenire concretamente, dedicare risorse adeguate,
dare valore alle sinergie
necessarie, estendendo
su tutto il territorio
nazionale la nostra scuola
dell'infanzia e sostenendo la diffusione di servizi
educativi di qualità
per la prima infanzia

Esami di Stato

Il MIUR ha emanato i decreti
relativi allo svolgimento
delle prove degli esami
di Stato conclusivi dei
corsi di studio di
istruzione secondaria
di II grado e alle materie
della seconda prova scritta

Estero

Emanazione delle disposizioni
relative all'aggiornamento
delle graduatorie permanenti
dei Docenti, DSGA e
Assistenti amministrativi
da destinare all'estero

Nazionale

Occorre intervenire concretamente, dedicare risorse adeguate,
dare valore alle sinergie
necessarie, estendendo
su tutto il territorio
nazionale la nostra scuola
dell'infanzia e sostenendo la diffusione di servizi
educativi di qualità
per la prima infanzia

Esami di Stato

Il MIUR ha emanato i decreti
relativi allo svolgimento
delle prove degli esami
di Stato conclusivi dei
corsi di studio di
istruzione secondaria
di II grado e alle materie
della seconda prova scritta

Estero

Emanazione delle disposizioni
relative all'aggiornamento
delle graduatorie permanenti
dei Docenti, DSGA e
Assistenti amministrativi
da destinare all'estero

Nazionale

Occorre intervenire concretamente, dedicare risorse adeguate,
dare valore alle sinergie
necessarie, estendendo
su tutto il territorio
nazionale la nostra scuola
dell'infanzia e sostenendo la diffusione di servizi
educativi di qualità
per la prima infanzia

Esami di Stato

Il MIUR ha emanato i decreti
relativi allo svolgimento
delle prove degli esami
di Stato conclusivi dei
corsi di studio di
istruzione secondaria
di II grado e alle materie
della seconda prova scritta

Estero

Emanazione delle disposizioni
relative all'aggiornamento
delle graduatorie permanenti
dei Docenti, DSGA e
Assistenti amministrativi
da destinare all'estero

Nazionale

Occorre intervenire concretamente, dedicare risorse adeguate,
dare valore alle sinergie
necessarie, estendendo
su tutto il territorio
nazionale la nostra scuola
dell'infanzia e sostenendo la diffusione di servizi
educativi di qualità
per la prima infanzia

Esami di Stato

Il MIUR ha emanato i decreti
relativi allo svolgimento
delle prove degli esami
di Stato conclusivi dei
corsi di studio di
istruzione secondaria
di II grado e alle materie
della seconda prova scritta

Estero

Emanazione delle disposizioni
relative all'aggiornamento
delle graduatorie permanenti
dei Docenti, DSGA e
Assistenti amministrativi
da destinare all'estero

Nazionale

Occorre intervenire concretamente, dedicare risorse adeguate,
dare valore alle sinergie
necessarie, estendendo
su tutto il territorio
nazionale la nostra scuola
dell'infanzia e sostenendo la diffusione di servizi
educativi di qualità
per la prima infanzia

Esami di Stato

Il MIUR ha emanato i decreti
relativi allo svolgimento
delle prove degli esami
di Stato conclusivi dei
corsi di studio di
istruzione secondaria
di II grado e alle materie
della seconda prova scritta

Estero

Emanazione delle disposizioni
relative all'aggiornamento
delle graduatorie permanenti
dei Docenti, DSGA e
Assistenti amministrativi
da destinare all'estero

Nazionale

Occorre intervenire concretamente, dedicare risorse adeguate,
dare valore alle sinergie
necessarie, estendendo
su tutto il territorio
nazionale la nostra scuola
dell'infanzia e sostenendo la diffusione di servizi
educativi di qualità
per la prima infanzia

Esami di Stato

Il MIUR ha emanato i decreti
relativi allo svolgimento
delle prove degli esami
di Stato conclusivi dei
corsi di studio di
istruzione secondaria
di II grado e alle materie
della seconda prova scritta

Estero

Emanazione delle disposizioni
relative all'aggiornamento
delle graduatorie permanenti
dei Docenti, DSGA e
Assistenti amministrativi
da destinare all'estero

Nazionale

Occorre intervenire concretamente, dedicare risorse adeguate,
dare valore alle sinergie
necessarie, estendendo
su tutto il territorio
nazionale la nostra scuola
dell'infanzia e sostenendo la diffusione di servizi
educativi di qualità
per la prima infanzia

Esami di Stato

Il MIUR ha emanato i decreti
relativi allo svolgimento
delle prove degli esami
di Stato conclusivi dei
corsi di studio di
istruzione secondaria
di II grado e alle materie
della seconda prova scritta

Estero

Emanazione delle disposizioni
relative all'aggiornamento
delle graduatorie permanenti
dei Docenti, DSGA e
Assistenti amministrativi
da destinare all'estero

Nazionale

Occorre intervenire concretamente, dedicare risorse adeguate,
dare valore alle sinergie
necessarie, estendendo
su tutto il territorio
nazionale la nostra scuola
dell'infanzia e sostenendo la diffusione di servizi
educativi di qualità
per la prima infanzia

Esami di Stato

Il MIUR ha emanato i decreti
relativi allo svolgimento
delle prove degli esami
di Stato conclusivi dei
corsi di studio di
istruzione secondaria
di II grado e alle materie
della seconda prova scritta

Estero

Emanazione delle disposizioni
relative all'aggiornamento
delle graduatorie permanenti
dei Docenti, DSGA e
Assistenti amministrativi
da destinare all'estero

Nazionale

Occorre intervenire concretamente, dedicare risorse adeguate,
dare valore alle sinergie
necessarie, estendendo
su tutto il territorio
nazionale la nostra scuola
dell'infanzia e sostenendo la diffusione di servizi
educativi di qualità
per la prima infanzia

Assistenza Fiscale CAF 730/2014 con il nuovo modello 730 precompilato cambiano le regole
Giovedì 26 Marzo 2015 20:44

Modello 730/2015

E’ tempo di dichiarazione dei redditi

Tutelati al 100% !

Cara Amica, caro Amico,

la dichiarazione dei redditi è alle porte con una grande novità: il modello 730 precompilato. Se ti rivolgi al nostro CAF per l’assistenza alla compilazione della dichiarazione dei redditi, firmando la DELEGA per il visto di conformità, ci assumiamo la piena responsabilità  rispetto a quanto  dichiarato sul modello 730 e sarai tutelato al 100% in caso di errori!* Per accedere a questa grande opportunità è sufficiente che:

  • Tu ci restituisca compilata e firmata la delega a richiedere all’Agenzia delle Entrate Allegata, con alcuni dati per la compilazione delladichiarazione 730 utilizzando l’apposito modello;
  • Porti al CAF tutti i documenti necessari per la compilazione della dichiarazione (possibilmente anche in copia fotostatica).

Ricorda che non è possibile chiedere di “scaricare” spese (oneri detraibili o deducibili) se per tali spese non  è prodotta al CAF la documentazione richiesta dall’Agenzia delle Entrate. Ti informiamo che da quest’anno non è più possibile la presentazione gratuita al CAF del modello precompilato dal contribuente, possibilità eliminata dal nuovo modello 730 precompilato previsto dal D.Lgs. 175/2014. Il CAF  per legge deve  obbligatoriamente  conservare  della documentazione a base del visto di conformità (redditi e spese) fino al 31 dicembre del quarto anno successivo a quello di presentazione. L’elenco completo dei documenti da presentare è disponibile presso le nostre sedi e sul nostro sito internet www.cafconfsal.it

ATTENZIONE: CON LE NUOVE REGOLE COLORO I QUALI SI SERVIRANNO DEL NOSTRO CAF, NON SARANNO PIU’ SOGGETTI A VERIFICHE FISCALI DA PARTE DELLE AGENZIE DELLE ENTRATE.

MODELLO DELEGA e istruzioni compilazione

 
BUONA SCUOLA: INCONTRO TRA OOSS E FORZE POLITICHE/PARLAMENTARI. SNALS-CONFSAL: TROPPI I CONTENUTI INACCETTABILI. A RISCHIO ANCHE LA LIBERTÀ D’INSEGNAMENTO. COMUNICATO STAMPA
Giovedì 26 Marzo 2015 19:42

Trascriviamo il comunicato stampa diramato questa mattina al termine dell’incontro delle OO.SS. con le forze politiche e parlamentari. All’incontro hanno aderito diversi parlamentari e politici, tra questi, sono intervenuti al microfono: la sen. Puglisi del PD, l’on. Giordano di SEL, la dott.ssa Marsilio di Fratelli d’Italia e l’on. Chimienti del M5S.

Roma, 25 marzo.  “Si va verso una buona scuola o verso una scuola pervasa dallo scontento, campo di futuri conflitti interni ed esterni? Il governo ha una giusta tensione riformatrice, ma le riforme, se fatte senza padroneggiare una materia tanto vasta e complessa e senza il giusto confronto con le parti sociali, possono essere inefficaci o peggiorative. Per questo oggi abbiamo informato le forze politiche e parlamentari che nel disegno di legge - per ora in bozza - i contenuti inaccettabili sono ancora troppi. Il parlamento intervenga, dunque, con sostanziali modifiche  per far nascere una legge efficace e duratura”. Lo ha dichiarato Achille Massenti, segretario generale vicario.E’ da salutare con favore la stabilizzazione dei docenti delle GAE e dei vincitori dell’ultimo concorso, ma, se si vuole stabilizzare il personale precario e avviare una nuova epoca di reclutamento solo per concorso, vanno sanate molte ingiuste omissioni foriere di un contenzioso difficilmente quantificabile: sono, infatti, esclusi gli idonei dell’ultimo concorso e di quelli precedenti, il personale che rientra nella fattispecie della recente sentenza europea e il personale che non rientra nelle GAE. Nulla è previsto per il personale docente con titolo e con servizio di rilevante durata. Inoltre, è necessario prevedere la stabilizzazione anche per il personale ATA. Va ridefinito il ruolo del dirigente scolastico cui spetta sì autorevolezza  ma senza coloriture “dittatoriali” in merito all’individuazione dei meritevoli, alle remunerazioni integrative e alla chiamata diretta dei docenti. Costruendo un ruolo subalterno e secondario  del Collegio dei docenti, verrebbe oscurato, se non cancellato, il principio costituzionale di libertà d’insegnamento Quanto alla realizzazione  dell’organico funzionale vanno cambiate le modalità di definizione, davvero macchinose, e va evidenziato il rischio implicito nella frase “nel limite delle risorse finanziarie disponibili”. Impossibile poi accettare l’esclusione del personale ATA, così come la cancellazione di fatto dei ruoli provinciali con la perdita della titolarità da parte di molti docenti e l’apparente salvaguardia  di chi alla data dell’entrata in vigore della legge sarà a tempo indeterminato. Uno degli aspetti più negativi di questa bozza di legge è che facilita le invasioni nella sfera contrattuale e consente un eccessivo ricorso alle deleghe di governo. Tanto che tutto quanto è contenuto nei contratti collettivi  e risulti in contrasto con la legge in attuazione decade automaticamente. Infine, la nuova legge esclude il parere dell’organo collegiale nazionale della scuola per l’adozione dei regolamenti, dei decreti e degli atti attuativi. E non è poco!

 
ATA : Bandi 24 mesi
Mercoledì 25 Marzo 2015 15:42

Sono stati pubblicati in data odierna i bandi relativi a tutti i profili professionali del personale ATA. Il termine utile per la presentazione delle domande di ammissione decorrerà dal 25/03/2015, data di pubblicazione del bando, al 24/04/2015.

 
INCONTRO OO.SS. / FORZE POLITICHE E PARLAMENTARI DEL 25 MARZO P.V.: COMUNICATO UNITARIO
Sabato 21 Marzo 2015 13:04

 

 

Il 25 marzo a Roma alle 10 presso l'Auditorium di Via Palermo 10 (Nazionale Spazio Eventi) i sindacati della scuola hanno invitato tutte le forze politiche e i parlamentari a un incontro sui tanti problemi che il piano del governo non affronta in modo adeguato e sulle misure che invece sarebbe urgente adottare. Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal, Gilda Fgu chiedono infatti sostanziali cambiamenti al disegno di legge del governo e  indicano  tre questioni  come prioritarie: 

1. Stabilizzazione del lavoro, da realizzare attraverso un piano straordinario pluriennale di assunzione di tutti i precari, compresi quelli con 36 mesi di servizio che non sono nelle GAE.Soluzioni vanno trovate anche per i precari idonei al concorso e con 36 mesi senza abilitazione. Le misure proposte devono riguardare sia i docenti  che il personale Ata. Le assunzioni vanno attuate con una legislazione di urgenza. Per il raggiungimento di questi obiettivi le organizzazioni sindacali hanno promosso anche una manifestazione di precari  che si terrà nel pomeriggio del 25 marzo alle ore 15, davanti alla Camera dei Deputati.

2. Ruolo della dirigenza. La progettazione dell’attività educativa delle scuole autonome è competenza del Collegio docenti e per renderla il più possibile efficace non può essere affidata solo al dirigente scolastico. I sindacati considerano inaccettabile affidare al DS la chiamata diretta dei docenti e l’attribuzione del salario accessorio legato alla premialità. E’ indispensabile definire un bilanciamento dei poteri tra D.S., Collegio Docenti e Consiglio d’Istituto.

3. Contratto nazionale e ruolo della contrattazione. Si chiede l’immediata emanazione dell’atto d’indirizzo per l’apertura delle trattative contrattuali. Il rinnovo del CCNL è indispensabile non solo per rimettere in ordine  una disciplina dissestata dai numerosi provvedimenti legislativi intervenuti su materie contrattuali, ma per decidere in sede negoziale tutto ciò che riguarda salario, orario, diritti e doveri del personale. Dopo sette anni di blocco del contratto, non è accettabile l’ipotesi di discuterne solo gli aspetti normativi, rinviando la parte economica.

Molti Parlamentari hanno già assicurato la loro presenza a partecipare al confronto promosso dai sindacati scuola.

Roma, 19 marzo 2015

FLC CGIL (Domenico Pantaleo) - CISL SCUOLA (Francesco Scrima) - UIL SCUOLA (Massimo Di Menna) - SALS CONFSAL (Marco Paolo Nigi) - GILDA UNAMS (Rino Di Meglio)

 
Proroga scadenza domande di Mobilità
Mercoledì 18 Marzo 2015 15:32

Al fine di consentire la completa conclusione delle operazioni di compilazione ed inoltro on line delle domande di trasferimento e di passaggio da parte del personale docente, sentita la DGPER , si comunica che le relative funzioni Polis resteranno disponibili fino alle ore 24,00 del 22 marzo 2015.

Di conseguenza, i termini delle operazioni indicati all'art. 2 dell'OM n. 4 del 24 febbraio 2015 sono cosi modificati:

scuola dell'infanzia: termine ultimo comunicazione al SIDI delle domande di mobilità e dei posti disponibili 04 aprile; pubblicazione dei movimenti 21 aprile;

scuola primaria: termine ultimo comunicazione al SIDI delle domande di mobilità e dei posti disponibili 20 aprile; pubblicazione dei movimenti 11 maggio;

scuola secondaria di I grado: termine ultimo comunicazione al SIDI delle domande di mobilità e dei posti disponibili 9 maggio; pubblicazione dei movimenti 28 maggio;

scuola secondaria di II grado: termine ultimo comunicazione al SIDI delle domande di mobilità e dei posti disponibili 27 maggio; pubblicazione dei movimenti 16 giugno.

Relativamente alla mobilità del personale ATA, i termini per la presentazione delle domande sono così modificati: Inizio acquisizione delle domande Polis: 23 marzo 2015. Termine acquisizione domande: 20 aprile 2015.

 
COMUNICATO STAMPA del Segretario Prof. ISCERI Luciano
Giovedì 12 Marzo 2015 12:20

 

LICEO CLASSICO M.T.VARRONE

La Segreteria Provinciale dello  SNALS – CONFSAL, in relazione ai fatti accaduti nell'ambito del Collegio dei docenti del Liceo Classico M.T. Varrone, tra il Dirigente Scolastico Prof.ssa Nobili e la prof.ssa Maino, esprime il proprio disappunto per una vicenda che con il clamore che ne è conseguito ha influito e continua ad influire negativamente sul sereno svolgimento della regolare attività didattica. Non è nostro costume assumere posizioni che rischiano di sconfinare nel populismo e che fanno incorrere nella tentazione di voler ricercare facili consensi, strumentalizzando una vicenda che poteva e doveva essere evitata ma che, allo stato dei fatti, è stata sottoposta al vaglio della Magistratura, la quale dovrà assumere determinazioni senza indebite ingerenze.Riteniamo  che sia specifico dovere del Sindacato, non già risolvere questioni di natura privata tra due soggetti – qual è una denuncia penale –, ma avere cura del ruolo dei docenti che, certamente, nella vicenda che ci occupa, è stato offuscato da un inopportuno scontro che mal si concilia con il normale spirito di servizio. Non è nostra abitudine, in ogni caso, consigliare la ricerca di soluzioni dinnanzi ai Tribunali, bensì stimolare il dialogo ed il buon senso, soprattutto nell’ambito di una Comunità scolastica, dove eventuali dissensi dovrebbero essere ricondotti e circoscritti  all’interno degli Organi collegiali che la governano. Per quanto sopra, non possiamo che auspicare che la vicenda trovi presto una soluzione extragiudiziale, al di fuori dallo spirito della ricerca affannosa di vincitori e vinti, comprendendo che, da qualsiasi parte sia il torto o la ragione, non bisogna mai dimenticare il ruolo educativo e formativo della Scuola che, secondo noi, è prioritario ed esclusivo.

Per la segreteria     IL SEGRETARIO PROVINCIALE (Prof. Luciano Isceri)

 
Comunicato Stampa del Segretario Prov.le Prof. LUCIANO ISCERI al Messaggero
Sabato 14 Marzo 2015 12:30
Abbiamo ritenuto doveroso replicare all'articolo apparso sulla cronaca locale de " Il Messaggero" di oggi 14/03/2015 precisando a beneficio della stampa e dei nostri iscritti la nostra posizione ufficiale riguardo la vicenda del Liceo Classico. Con questa nota confidiamo di chiudere,almeno per quel che ci riguarda, la vicenda, desiderosi di tornare ad occuparci a tempo pieno (come è nostra abitudine) alla risoluzione delle complesse problematiche sulla scuola, sia essa locale che nazionale.

In merito a quanto apparso in data 14 marzo u.s. sul Vostro Quotidiano, la Segreteria dello SNALS – CONFSAL ritiene doveroso precisare quanto segue. In primo luogo, appare alquanto inopportuno definire “imbarazzata” la posizione ufficiale espressa – in piena autonomia – da Codesta OS con un apposito comunicato diffuso, tempestivamente il giorno successivo ai fatti, attraverso i nostri canali di comunicazione. Dell’imbarazzo da Voi rilevato non sembra esservi traccia nella citata nota, la quale si è limitata (nel rispetto della funzione del Sindacato) a esprimere una posizione non già di “equilibrismo”, bensì di imparzialità, come si conviene a un soggetto posto a tutela di interessi pubblici e non, come nel caso di specie, privati. Invero, la chiamata in causa dello SNALS ci sembra pretestuosa e fuori luogo, non apparendo, tra l’altro, il nostro comunicato affatto distante (nei toni e nei contenuti), da quelli diramati da altri, tutti peraltro concordi nella necessità di ricondurre l’intera vicenda nell’alveo di una bonaria composizione, nell’interesse più generale della stessa Istituzione Scolastica e degli alunni che la frequentano. In secondo luogo, come anche da Voi ricordato, lo SNALS si è confermato, anche nelle ultime elezioni RSU, primo Sindacato nel Comparto Scuola nella Provincia di Rieti e, proprio in virtù di tale, autorevole, ruolo, ha assistito ed assiste di continuo a screzi, dispute o litigi tra le varie componenti del personale scolastico che, non di rado, sfociano anche in denunzie penali. Ebbene, per tali ragioni, Codesto Sindacato, autonomo per storia e definizione, non può cedere alla tentazione di assumere posizioni strumentali e parziali. Due aggettivi che, di certo, non ci appartengono.

Per la Segreteria dello SNALS – CONFSAL IL SEGRETARIO PROVINCIALE (Prof. Luciano Isceri)

A tal fine si invita tutti i colleghi a leggere Il file pubblicato più in basso ed a partecipare alle azioni sindacali prossimamente previste.

 
CONTRATTO STABILIZZAZIONE DEI PRECARI, INVESTIMENTI
Sabato 14 Marzo 2015 12:48

Vi informiamo che in data odierna, è stato predisposto il comunicato a firma delle Segreterie Generali di SNALS-CONFSAL, FLC-CGIL, CISL-Scuola, UIL-Scuola, GILDA- UNAMS, che abbiamo già inserito in internet e trascriviamo di seguito integralmente:


CONTRATTO, STABILIZZAZIONE DEI PRECARI, INVESTIMENTI
I temi della protesta del mondo della scuola Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal, Gilda Fgu:

dal 20 marzo grande mobilitazione per avere risultati concreti

Rinnovare il contratto di lavoro e dare risposte concrete alle migliaia di persone che oggi lavorano con contratti precari per assicurare organici funzionali alla scuola dell’autonomia, investire in formazione: ecco le ragioni della mobilitazione promossa da Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal, Gilda Fgu per le prossime settimane.Le ipotesi che circolano sulle misure a cui il Governo sta lavorando prefigurano il taglio degli stipendi e dei diritti, mentre non danno ancora nessuna risposta alle attese di stabilizzazione del lavoro di decine di migliaia di precari. Non vi è coerenza fra gli impegni presi e i provvedimenti che si stanno preparando. Il contratto è scaduto da 6 anni. Nel frattempo il Governo congela gli  scatti di anzianità e si propone di introdurre un confuso e farraginoso sistema di premialità che prevede aumenti stipendiali solo nel 2019. In questo modo si costringerebbe il personale a porsi in una relazione di pericoloso antagonismo con i colleghi per ottenere benefici economici. Su salario, carriere, orari, professionalità la sede di discussione e decisione dev’essere quella del rinnovo del contratto, da aprire immediatamente. Netta la nostra contrarietà al ritorno alla regolazione per legge del rapporto di lavoro, che deve continuare a essere disciplinato dal contratto per tutto il personale della scuola. E’ solo attraverso il contratto, e investendo risorse aggiuntive, che si può riconoscere adeguatamente il lavoro nella scuola, rivalutando gli stipendi in termini comparabili col resto d’Europa e valorizzando la professionalità del personale della scuola, sulla scia di quanto già prevede il CCNL vigente. I provvedimenti in preparazione, inseguendo in modo velleitario un cambiamento a costo zero, rischiano di minare in modo serio la qualità della scuola. Anche il sistema delineato per la valutazione dei docenti appare segnato da inaccettabili rigidità: si affida al dirigente un ruolo improprio, accentuandone le funzioni di controllo, del tutto fuori luogo in un campo, quello dell’azione pedagogico-didattica, in cui deve prevalere la dimensione della condivisione, della corresponsabilità, della cooperazione e collaborazione fra le diverse figure, per assicurare un’offerta formativa efficace e di qualità, attraverso il protagonismo dei docenti nella didattica e la valorizzazione delle funzioni di supporto organizzativo assicurate dal personale ATA. A fronte di un coacervo di misure assai discutibili, per le quali non sussistono vere ragioni di necessità né di urgenza, la questione da assumere invece con assoluta priorità e con strumenti di immediata decisione è la  stabilizzazione dei precari docenti e Ata.  Non si può continuare con i contratti a tempo determinato, il cui abuso è già stato sanzionato dalla Corte di Giustizia europea.  Basta con la confusione e la demagogia sulla pelle dei precari! Sui loro diritti e sulle loro attese non si può giocare: il governo dia immediatamente le risposte dovute. Lo stato di incertezza sul fronte delle assunzioni e le ipotesi di interventi sbagliati sulle retribuzioni stanno generando preoccupazione e tensioni. Il progetto del governo non ha i requisiti della vera innovazione, non investe risorse, non si fonda su un reale confronto, presuppone la condivisione ma poi non la pratica. La scuola italiana ha bisogno di un significativo piano di investimenti che la riporti in linea con gli altri Paesi europei. Il Governo apra allora subito il confronto con le organizzazioni sindacali su un progetto credibile di cambiamento della scuola italiana e sui contratti! Su questa rivendicazione, Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal, Gilda Fgu avviano un percorso di mobilitazione articolato in una serie di iniziative:

  • dal 20 al 24 marzo azioni che coinvolgono le scuole  e i territori  a livello locale e regionale
  • il 25 marzo a Roma un incontro nazionale di rappresentanti nelle scuole di Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal, Gilda Fgu, alla quale saranno invitati i rappresentanti dei gruppi parlamentari e dei partiti politici.
  • l’11 aprile una grande manifestazione nazionale del personale della scuola a Roma.

Dal 20 marzo all’11 aprile Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal, Gilda Fgu proclamano lastensione dalle attività aggiuntive per la durata  di questa fase di mobilitazione.

 
COMUNICATO STAMPA: R.S.U. 2015 L'ESITO DELLE VOTAZIONI
Sabato 07 Marzo 2015 15:38

Lo SNALS-CONFSAL con il 37,63 % dei voti e 36 seggi (manca il dato ininfluente dell’I.O di Amatrice chiuso per neve) si conferma per la IV° volta consecutiva, il sindacato più rappresentativo del comparto scuola nella provincia di Rieti, all’esito delle elezioni RSU. Il dato politico indica una débâcle della FLC/CGIL che vede dimezzarsi il proprio patrimonio elettorale passando dal 14% del 2012 ad appena il 7% di oggi. Lo SNALS-CONFSAL è riuscito addirittura ad incrementare i voti rispetto al 2012 nonostante la riduzione degli organici e gli accorpamenti degli istituti. Il segretario Provinciale Luciano Isceri ha dichiarato a caldo: “ il risultato raggiunto è l’ennesima conferma che il lavoro ripaga sempre le attese. La nostra costante presenza sul territorio e l’attenzione rivolta ai complessi problemi della scuola reatina è un dato inconfutabile che si manifesta attraverso il numero di iscritti e ribadito dal dato elettorale”. Per evitare, che come spesso accade dopo ogni elezione, con interpretazioni soggettive sul voto, pubblichiamo in anteprima sul nostro sito web: www.snalsrieti.com il relativo dettaglio. Il ringraziamento della Segreteria Provinciale dello SNALS-CONFSAL di Rieti va a tutti i nostri candidati ed ai componenti delle commissioni elettorali e dei seggi e a quanti si sono adoperati con spirito di fattiva collaborazione.

PER LA SEGRETERIA PROVINCIALE

 
PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO ED ATA – TRASFORMAZIONE RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE
Sabato 07 Marzo 2015 15:15

Come è noto, il rapporto di lavoro a tempo parziale per il personale docente, educativo ed Ata è contemplato rispettivamente negli artt. 39 e 58 del CCNL 29/11/2007. Per entrambe le categorie di personale la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno in rapporto a tempo parziale e viceversa, è disciplinata, ai sensi del comma 13, dell’art. 39 del CCNL Scuola 29/11/2007 a cui rinvia il pari comma dell’art. 58 del medesimo CCNL, con le disposizioni contenute nell’O.M. n. 446/97, emanata in applicazione del CCNL 4/8/95, e delle leggi n. 662/96 e n. 140/97, con le integrazioni di cui all’O.M. n. 55/98. La domanda per la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno in rapporto a tempo parziale va presentata al dirigente scolastico entro il 15 marzo di ogni anno. E’ escluso dalla possibilità di poter presentare la domanda in argomento il personale Ata appartenente al profilo professionale di DSGA. Il rapporto di lavoro a tempo parziale deve risultare da contratto scritto e deve contenere la durata della prestazione lavorativa. Il tempo parziale può essere realizzato:

a)  con articolazione della prestazione di servizio ridotta in tutti i giorni lavorativi (tempo parziale orizzontale;

b)  con articolazione della prestazione su alcuni giorni della settimana, del mese, o di determinati periodi dell’anno (tempo parziale verticale);

c)   con articolazione della prestazione risultante dalla combinazione delle due modalità indicate alle precedente lettere a) e b) (tempo parziale misto), come previsto dal D.Lvo 25/2/2000, n. 61.

Il personale con rapporto di lavoro a tempo parziale è escluso dalle attività aggiuntive aventi carattere continuativo, né può fruire di benefici che comunque comportino riduzione dell’orario di lavoro, salvo quelle previste dalla legge. Nell’applicazione degli altri istituti normativi previsti dal contratto, tenendo conto della ridotta durata della prestazione e della peculiarità del suo svolgimento, si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni di legge e contrattuali dettate per il rapporto a tempo pieno. Al personale interessato è consentito, previa autorizzazione del dirigente scolastico, l’esercizio di altre prestazioni di lavoro che non arrechino pregiudizio alle esigenze di servizio e non siano incompatibili con le attività d’istituto. L’assunzione di altro lavoro, o la variazione della seconda attività da parte del dipendente con il rapporto di lavoro a tempo parziale, deve essere comunicata al dirigente scolastico entro 15 giorni. Il trattamento economico, anche accessorio, del personale con rapporto di lavoro a tempo parziale è proporzionale alla prestazione lavorativa, con riferimento a tutte le competenze fisse e periodiche spettanti al personale con rapporto a tempo pieno appartenente alla stessa qualifica e profilo professionale. I dipendenti a tempo parziale orizzontale hanno diritto ad un numero di giorni di ferie pari a quello dei lavoratori a tempo pieno. I lavoratori a tempo parziale verticale hanno diritto ad un numero di giorni proporzionato alle giornate di lavoro prestate nell’anno. Il relativo trattamento economico è commisurato alla durata della prestazione lavorativa. Il trattamento previdenziale e di fine rapporto è disciplinato dalle disposizioni contenute nell’art. 9 del D.lgs. n. 61/2000).

 
PIANO DI FORMAZIONE DEL PERSONALE DOCENTE NEO ASSUNTO A.S. 2014/15 – EMANATA NOTA MIUR
Martedì 03 Marzo 2015 10:17

Vi comunichiamo che il MIUR, in data 27/02/2015, ha emanato la nota 6768, avente per oggetto: “Piano di formazione del personale docente neo assunto per l’a.s. 2014/15”. Tale nota era stata illustrata, in bozza, dal Direttore Generale  nell’incontro tenutosi al MIUR in data 24/02/2015. In tale data l’Amministrazione ha preannunciato che seguirà una nuova nota sulla specifica materia, dopo un adeguato confronto con le OO.SS. La nota 6768 prevede una formazione per un totale di ore obbligatorie pari a 50 ore così suddivise:

  1. Condivisione del Percorso Formativo ore 5;
  2. Laboratori Formativi Dedicati 12+3*;
  3. Pear to Pear 9+1*;
  4. Formazione on line 15+5*;

*ore dedicate alla rielaborazione dell’esperienza anche su piattaforma on line. La scansione degli adempimenti prevede:

  • entro il 15 marzo comunicazione al MIUR delle scuola polo selezionate;
  • entro il 30 marzo realizzazione del primo incontro formativo e di accoglienza;
  • entro il 20 maggio realizzazione dei laboratori;
  • entro il 30 maggio secondo incontro conclusivo del percorso formativo.

Il totale nazionale di fondi disponibili, pari a 1.358.266,80 per un totale di 28.716 docenti neo immessi in ruolo, è stato suddiviso, in proporzione al numero dei docenti neo immessi in ruolo, tra le varie regioni, come previsto dall’allegato 1 alla circolare. Alla nota sono altresì allegate alcune slides che evidenziano gli aspetti innovativi dei nuovi percorsi di formazione per i docenti neo assunti nell’a.s. 2014/15. Non possiamo non sottolineare, ancora una volta, pur riconoscendo alcune positività della nuova nota emanata, (che garantisce rispetto al passato alcuni aspetti innovativi, una maggiore proficuità del piano di formazione e un maggior coinvolgimento e protagonismo del personale neo assunto), l’esiguità dei fondi disponibili per la formazione, pari a poco più di 47 euro per ogni docente neo assunto. Invitiamo, ancora una volta, l’Amministrazione a valutare l’opportunità di stanziare maggiori risorse per la formazione del personale ed, in particolare, per il personale neo assunto. Rimaniamo in attesa del successivo incontro, anche al fine di fornire all’Amministrazione ulteriori spunti di riflessione sulla specifica materia. Provvediamo ad inserire la nota 6768, la tabella allegata e le slides riassuntive, elaborate dalla Direzione Generale del personale scolastico del MIUR, sia in area riservata che in internet.

 
COMUNICATO STAMPA del 25/02/2015
Mercoledì 25 Febbraio 2015 20:47

“Convegno Snals su Buona Scuola e RSU”: Luci ed Ombre.

Si è svolto presso l’aula magna dell’istituto alberghiero in data 25/02/2015 il Convegno sulla Buona scuola e le prospettive che ne deriveranno al prossimo D.D.L. Delega che il Governo si accinge ad emanare per il 3 marzo. L’incontro organizzato dalla Segreteria Provinciale SNALS Rieti in collaborazione con la Segreteria Regionale ed il Centro di Formazione Confsalform, ha visto la partecipazione del Prof. Franco Galgano (Presidente Commissione  Orizzontale CNPI). L’iniziativa autorizzata e riconosciuta dal MIUR ha visto la partecipazione attenta e attiva di oltre 200 partecipanti. “Lo scopo dell’incontro” ha dichiarato il Segretario provinciale Prof. Luciano Isceri” è quello di cercare di anticipare i contenuti di un provvedimento legislativo già annunciato da oltre due mesi e che continua a subire ulteriori ritardi. Lo SNALS ha inteso ribadire la propria netta e chiara posizione riguardo merito, precariato, contratto di lavoro, organici personale docente e ATA. Ha inoltre inteso rimarcare la propria perplessità sull’applicazione riguardo la tanto attesa immissione in ruolo dei docenti inseriti nella graduatorie GAE che, se pur ritenendolo auspicabile, finirebbe per lasciare comunque fuori altri 15.000/20.000 docenti abilitati nei vari percorsi formativi universitari, non inseriti nelle GAE e per i quali va trovata giusta soluzione”. Nel corso dell’incontro si è sviluppato un dibattito costruttivo che ha riaffermato, ancora una volta, che la cosiddetta “scuola reale” non è in linea con quanto continua ad affermare sia il ministro della P.I. che il Presidente del Consiglio riguardo una ipotetica condivisone da parte del personale scolastico di linee programmatiche frutto di un sondaggio online al quale ha risposto un numero di persone (personale scolastico e cittadini) assolutamente non significativo.  Attendiamo con ansia di leggere il disegno di legge preannunciato che sarà oggetto di una valutazione approfondita ed immediata da parte degli Organi Collegiali del sindacato e alla valutazione della categoria attraverso ulteriori consultazioni. In sostanza sulla “Buona Scuola” più ombre che luci e mentre sulle prime riteniamo di poterle ritenere certezze, sulle seconde attendiamo fatti concreti. Il Segretario Provinciale Prof. Luciano Isceri.

 
Mobilità 2015/2016: Date Presentazione Domande
Martedì 24 Febbraio 2015 08:29

 

Comunichiamo che in data 23 febbraio 2015 il Miur e le rappresentanze sindacali hanno firmato il Contratto sulla mobilità del personale docente e Ata, per l’anno scolastico 2015/16. Di seguito, le date per la presentazione delle domande che dovranno essere prodotte mediante la piattaforma di Istanze on line.

Docenti dal 26 febbraio al 16 marzo 2015
Personale Ata: dal 18 marzo al 15 aprile 2015

di seguito i MODELLI DI DOMANDA DI TRASFERIMENTO 2015/2016 scaricabili, per le varie tipologie

MODULO PN (domanda passaggio di profilo A

MODULO MN (domanda trasferimento A/AT/CS)

MODULO MN (domanda trasferimento AA/AT/CS)

AA/AT/CSMODULO PN (domanda passaggio di profilo AA/AT/CS))

 

CCNI 2015/2016 (cliccare per scaricare)

NOTA 6434 (cliccare per scaricare)

O.M. 2015/2016 (cliccare per scaricare)

 
INCONTRO AL MIUR: La Revisione dei Crietri e Parametri per la determinazione dell'organico A.T.A.
Mercoledì 11 Febbraio 2015 20:50

Premesso che non sono stati affrontati tutti gli argomenti previsti (Revisione criteri e parametri per la determinazione delle dotazioni organiche del personale ATA - Rapporto ragionerie territoriali dello Stato e istituzioni scolastiche – mobilità professionale del personale ATA – statizzazione del personale della provincia di Enna e Comune di Bologna), vi forniamo gli elementi relativi al punto all’odg trattato che riguardava “la revisione dei criteri e parametri per la determinazione dell’organico ATA”. Si deve subito precisare che si è trattato di una informativa relativa all’applicazione del taglio di 2020 unità di personale previsto dalla legge di stabilità e non alla tematica complessiva degli organici del personale ATA per l’anno scolastico 2015/16. Il Direttore Generale, Dott.sa Novelli, ha proposto di produrre modifiche alla bozza scritta presentata dall’amministrazione, articolata in tagli ripartiti tra collaboratori scolastici ed assistenti amministrativi e per questo motivo non inseriamo in area riservata il relativo testo. Nel corso della riunione la posizione dell’amministrazione è stata oggetto di una ferma presa di posizione della delegazione dello SNALS-CONFSAL sotto due aspetti:

  • uno “politico”, già avanzato in sede di dibattito sulla legge di stabilità, di inaccettabilità di operare tagli su una dotazione organica di diritto già dimostratasi insufficiente a garantire il funzionamento delle istituzioni scolastiche. Al riguardo basta pensare alle deroghe in organico di fatto che l’amministrazione ha dovuto concedere;
  • uno su alcuni contenuti proposti di cui ha chiesto la cancellazione e per altri, invece, ha motivato il dissenso del sindacato.

La Dott.sa Novelli si è riservata, alla luce delle osservazioni formulate dalle OO.SS., di formulare una nuova proposta, che invierà forse già nella giornata di domani. Vi terremo informati degli sviluppi della situazione e vi precisiamo che gli altri argomenti non trattati oggi saranno oggetto di una prossima riunione in data da definirsi.

POSIZIONI ECONOMICHE PERSONALE ATA

Al termine della riunione è stata distribuita una lettera, scaturita dalla forte pressione sindacale esercitata dallo SNALS- CONFSAL nelle precedenti riunioni, con cui il MIUR la chiesto al MEF di rivedere la sua posizione in relazione alla decorrenza economica dal 1° gennaio 2015 e non dal 1° settembre 2015. Siccome non vi è alcuna garanzia di consenso da parte del MEF, continua l’azione dello SNALS-CONFSAL con l’inoltro di formale diffida inviata da parte della Segreteria Generale al MEF e per conoscenza al MIUR e con la predisposizione di modelli di diffida da attivare anche da parte dei singoli interessati. I modelli di diffida individuale sono reperibili presso le Segreterie Provinciali dello SNALS-CONFSAL.

 
MENSA SCOLASTICA – GRATUITA PER IL PERSONALE IN SERVIZIO
Martedì 30 Dicembre 2014 13:02

In data 23/12/14 il MIUR ha emanato la nota 0018891 con la quale trasmette il prospetto degli importi corrisposti ai Comuni “per la fruizione della mensa scolastica da parte del personale della scuola” così come previsto dal vigente CCNL (Art. 21) e dall’Art. 7, comma 41 D.L. 95/12, convertito nella L. 135/2012. Il prospetto delle cifre erogate a ciascun Comune,dovrebbe evitare contestazione da parte di questi ultimi, ad ogni modo questa Segreteria provinciale sarà in grado di contrastare eventuali dinieghi a riconoscere la gratuità della mensa al personale (Docente o Ata) in servizio, facendo rilevare che i Comuni, per riscuotere le somme loro attribuite si devono “dichiarare totalmente quietanzati per l’annualità di riferimento” (vedasi ultimo comma della nota).

Nota MIUR 18891 23/12/2014 - MENSA SCOLASTICA

Tabella ripartizione per Comuni - Mensa Scolastica Nota MIUR 18891

 
AZIONE N. 38 BIS – Ricorso per il riconoscimento del diritto all’immissione in ruolo ed il risarcimento dei danni in favore dei docenti c.d. precari, a seguito della recente sentenza della Corte di Giustizia Europea del 26.11.2014.
Mercoledì 17 Dicembre 2014 20:37

Si forniscono le indicazioni per l’adesione al nuovo ricorso da parte di coloro che risultino avere i requisiti minimi previsti dalla stessa sentenza della Corte Europea. Potranno aderire al ricorso tutti i docenti precari che abbiano avuto un incarico sia da graduatoria ad esaurimento che da graduatoria da istituto:

a) per la durata di almeno 12 mesi all’anno per tre anni scolastici anche non consecutivi pari a 36 mesi complessivi (supplenze annuali);

b) per la durata di almeno tre anni scolastici, pari a 180 gg. per anno scolastico, anche non consecutivi.

Si sottolinea che:

1)   possono aderire al ricorso i docenti che abbiano maturato il servizio in qualsiasi classe di concorso, ivi incluso il sostegno;

2)   ai fini del calcolo dei 36 mesi va considerato incarico annuale sia quello conferito fino al termine delle attività didattiche (30/6) che quello conferito fino al 31/8;

3)   è possibile l’adesione anche per i docenti che hanno maturato il servizio misto e cioè rientrino nell’ipotesi sub a (per un anno scolastico dodici mesi) e sub. b (per gli altri due anni scolastici 180 gg.);

4)   possono aderire al ricorso solo coloro che sono in possesso dell’abilitazione all’insegnamento;

5)   ai fini del raggiungimento dei requisiti di servizio non può essere computato il servizio scolastico svolto presso le scuole private.

La domanda avrà come oggetto sia il riconoscimento del diritto all’immissione in ruolo dei ricorrenti, sia il risarcimento del danno. Il ricorso dovrà essere proposto dinanzi al Giudice del lavoro territorialmente competente. Prima di proporre il ricorso è opportuno che gli interessati inoltrino una istanza – diffida al Ministero dell’istruzione, il cui fac simile è disponibile per tutti gli iscritti allo Snals. Per coloro che maturano i requisiti a conclusione del presente anno scolastico, sarà successivamente predisposto un altro ricorso.

 
SPORTELLO LEGALE GLOBALE:
Martedì 09 Settembre 2014 18:18

CON NOI PER LA TUTELA DEI TUOI DIRITTI!

Leggi tutto...
 
ASSEGNAZIONI DOCENTI
Lunedì 15 Settembre 2014 07:01

Pubblichiamo di seguito una giuda alle Assegnazioni Docenti:

ASSEGNAZIONE DOCENTI

 
ANNUNCIAZIONE….. ANNUNCIAZIONE…(dal film non ci resta che piangere).
Sabato 06 Settembre 2014 23:30

Il nostro Presidente del Consiglio voleva stupirci e …

Leggi tutto...
 

Rubrica Video del Segretario Provinciale

 10/03 nuovo video   LO SNALS-CONFSAL INTERVIENE A DIFESA DELLA SCUOLA STATALE